MASCHERE IN TESSUTO: QUALE SCEGLIERE?

Buongiorno a tutti!

Oggi vi voglio parlare di una mia relativamente recente fissazione: le maschere in tessuto! Anche se è un trend iniziato nei paesi asiatici ormai anche in Italia ne esistono di tutti i tipi e di tutte le marche. Uno dei primi negozi ad avere iniziato il trend nel nostro paese è stato Sephora infatti inizialmente compravo solo le loro maschere viso in tessuto.

Ne esistono di diversi tipi in base agli ingredienti anche se in realtà di base hanno tutte lo stesso INCI le maschere tra di loro differiscono di poco.

Dopo un po’, sempre da Sephora, hanno cominciato ad arrivare anche quelle del Dr. Brandt noto marchio di cosmesi Statunitense.

Ma perché di recente stanno spopolando? Perché tutti ne vanno pazzi?

Beh i motivi sono diversi e tutti validi:

  • non dovendo essere risciacquata dopo l’uso, i principi attivi del siero usato per “bagnarle” penetra meglio all’interno della pelle rispetto ad una maschera con risciacquo;
  • sono pratiche: le potete portare in viaggio ovunque e occupano meno spazio di quelle in tubetto;
  • possono essere usate tranquillamente in sostituzione del siero se lo avete finito o se vi scoccia usare il siero tutti i giorni;
  • il tessuto consente un comfort maggiore sul viso (almeno per una mia personale opinione) rispetto ad una maschera in tubetto e rischio di sporcare meno in giro!

Ci sono anche dei contro per quelle persone a cui piace usare di più una maschera in tubetto:

  • ovviamente c’è meno prodotto all’interno quindi a conti fatti in proporzione costano di più di una maschera classica da spalmare;
  • dopo l’uso alcune sono ancora parecchio bagnate e se non avete un cestino a portata di mano (ad esempio se volete utilizzarle in aereo mentre siete in volo) è un po’ problematico.

Detto ciò vediamo quali sono quelle che mi piacciono di più rispetto al prezzo e alla qualità degli ingredienti:

garnier hydra bomb

La Garnier Hydra Bomb per pelli da dissetare è quella che in assoluto uso di più di tutte le altre. Innanzitutto perché è quella che idrata maggiormente la mia pelle senza ungerla e/o appiccicarla e poi perché è anche quella che tra tutte quelle che ho provato costa meno. (Dipende da dove la acquistate ma va dai 2 euro fino a 2,50 euro). Sulle istruzioni c’è scritto di lasciarla in posa almeno 10/15 minuti, io a volte la lascio anche per 20 minuti perché essendo una maschera idratante che non ha bisogno di essere sciacquata non c’è il rischio che irriti la pelle.

dr jart

Le maschere del Dr. Jart+ le trovate in Italia credo solo da Sephora. Ne esistono di due tipi: quelle in tessuto e quelle in materiale Hydrogel che sono antitraspiranti e teoricamente non dovrebbero “lasciar scappare” i principi attivi del siero applicato e quindi agire più in profondità. Io ho provato solo quelle in tessuto, una è quella che vedete qui sopra che è a base di Niacinamide un ingrediente preziosissimo per purificare la pelle dalle imperfezioni causate dai brufoletti.

Un’altra che ho provato sempre della Dr. Jart+ è quella super idratante:

dr jart+ hydra solution

In generale sono maschere che mi piacciono molto però non le compro molto spesso perché continuano a piacermi di più quelle della Garnier e poi hanno un prezzo ben diverso da queste ultime. Infatti le Dr. Jart+ costano 5,90 euro per quelle in tessuto e 10,90 per quelle con siero in Hydrogel… una bella differenza!

sephora mask

Le maschere a marchio Sephora invece, che sono le prime in assoluto che ho provato, come vi dicevo, sono una via di mezzo per quanto riguarda il prezzo (costano 3,90 euro) però spesso Sephora le propone in cofanetti in cui ce ne sono da 5 a 10 a prezzo molto più conveniente, quindi se le provate e vi piacciono potete approfittare di queste offerte quando le trovate in negozio per risparmiare.

Come accennavo all’inizio, sono maschere abbastanza buone ma tra di loro gli ingredienti di base sono identici, cambia solo il “principio attivo” che è presente sulla confezione, quindi ad esempio quella nell’immagine contiene thé verde, quella alla rosa conterrà olio di rosa oppure acqua di rosa e così via ma mai in quantità super elevate quindi non troverete mai gli ingredienti dichiarati sul packaging ai primi posti nell’INCI ma comunque sono presenti.

A mio avviso rappresentano un buon compromesso se non vi recate spesso al supermercato o se preferite acquistare i vostri prodotti cosmetici in profumeria ma non volete spendere troppo per provare le maschere in tessuto. Comunque vale la pena di provarne almeno un paio!

too cool for school

Infine sempre per le maschere di marchi che ho visto solo da Sephora, ne ho provata una mentre ero in vacanza quest’estate della marca “too cool for school”, ne hanno di diversi tipi ma questa è in tessuto a base di ceramide e acqua di cocco. Il prezzo è di 4,90 euro e devo dire che sono rimasta molto soddisfatta. Infatti idrata molto anche se pizzica leggermente (potrebbe comunque essere stata solo una sensazione dovuta all’esposizione al sole però anche nelle istruzione c’è scritto che potrebbe leggermente pizzicare) la mia pelle alla fine del trattamento era molto idrata e anche rimpolpata e rassodata (mi sembra di averla lasciata in posa per una 20 di minuti). 

Tuttavia il prodotto che mi è piaciuto ancora di più di questo marchio sono stati i patch per gli occhi: 

too cool for school eyepach

Sempre all’acqua di cocco questi patch per gli occhi sono stati una vera e propria mamma dal cielo quando sono andata in vacanza, li ho applicati per 3 volte durante la settimana di vacanza per aiutare la distensione del contorno occhi dopo una giornata trascorsa al sole. Sono molto grandi quindi coprono anche parte delle guance e delle tempie cosa che mi piace molto. Il prezzo è di 4,50 euro che non è proprio economico però ne sono rimasta talmente soddisfatta che se non fossero sempre sold out ovunque ne comprerei una bella scorta!

Altre maschere che ho provato di recente ma che devo ancora testare per bene sono quelle con cui recentemente è uscita la Kiko:

maschera kiko

Finora ho provato solo quella che vedete nell’immagine che si chiama Girls’ Night Out. È in Hydrogel e devo dire che non mi è piaciuta particolarmente. Nonostante infatti l’Hydrogel sia comunque molto confortevole, non l’ho trovata particolarmente idratante nonostante l’abbia lasciata in posa per il tempo consigliato di 20 minuti, hanno un prezzo di 4,95 euro l’una e non so se la ricomprerò! In ogni caso proverò anche le altre e in caso aggiornerò questo post più avanti.

E a voi? Quale maschere in tessuto utilizzate se le avete mai provate e quali vi stanno piacendo maggiormente?

Un bacione e al prossimo post!

Debora

4 pensieri su “MASCHERE IN TESSUTO: QUALE SCEGLIERE?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...