complete set., http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, makeup, review, Zoeva

Review Zoeva Lux Complete Set

Ciao a tutti,

oggi recensione sui pennelli Zoeva. Il set che ho ordinato da Douglas, lo stavo corteggiando sul sito di Zoeva da quando lo avevano composto, quindi circa un paio d’anni. www.zoeva.it.
Da quando ho saputo, però, che la famosa marca tedesca era approdata anche sul sito di Douglas in Italia e che non avrei avuto la seccatura della dogana e delle spese di spedizione, tempo qualche mese e ho ordinato il Set completo. Sul sito di Douglas c’è anche la possibilità di scegliere un campioncino da uomo e uno da donna, c’è anche l’opzione della scelta a sorpresa dei campioncini stessi. 
Superato un certo importo, la spedizione diventa gratuita. Inoltre io personalmente ho scelto che il mio pacco fosse recapitato in un punto vendita della mia città, in tal modo si è sicuri che il pacco venga ritirato da qualcuno, a quel punto basta passare in negozio negli orari d’apertura con la copia della fattura e il gioco è fatto. 
Naturalmente se mi danno la possibilità di avere una confezione regalo gratuita, è ovvio che io selezione anche questa possibilità! 
I pennelli erano contenuti all’interno di questa pochette in eco-pelle riutilizzabile e molto carina.
I pennelli in totale sono 15. Sono presenti 5 pennelli per il viso: 101-102-105-126-142. Sono tutti morbidissimi e quelli con le setole completamente bianche hanno le setole completamente naturali. 
I pennelli con le setole naturali vanno lavati in modo molto più delicato di quelli con le setole sintetiche. Solitamente per quelli con le setole sintetiche utilizzo una saponetta allo zolfo che disinfetta e igienizza le setole fino in fondo. 
Quelli con le setole naturali ho imparato a lavarli con shampoo e balsamo. Nella Brush Guide presente sul sito di Zoeva c’è espressamente scritto e consigliato di trattarli come se fossero capelli umani (si lo so fa un po’ impressione ma è davvero l’unico modo per non farli rovinare).
I pennelli per gli occhi invece sono gli altri 10. 224-221-227-317-231-315-228-230-234-322.

Queste sono due foto nel dettaglio di due pennelli per gli occhi! Sono due pennelli da sfumatura. 
Allora la mia recensione è molto semplice.
PENNELLI SEMPLICEMENTE FANTASTICI. Non ho niente altro da aggiungere! li ordinati, sono arrivati n meno di una settimana al punto vendita dove volevo che venissero recapitati e sono di una qualità fantastica per il prezzo che hanno. 
Se tenete conto del fatto che un set di 15 pennelli della Sigma Beauty (noto marchio statunitense) costa 219,00 dollari che sono circa 195,00 euro in questo momento, risparmiereste all’incirca 75 euro. ( il set della zoeva costa appunto 120 euro).
Che dire? se cercate un buonissimo set di pennelli e non volete spendere una fortuna e soprattutto non volete avere a che fare con possibili problemi doganali, avete trovato il marchio che fa per voi ed ora lo vende anche Douglas! 
Meglio di così!
Ciao a tutti e al prossimo post. 🙂
collezioni., commessa, http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, kikocosmetics, lavoro, orari, retail, sale assistant

Kiko Cosmetics Milano: la mia esperienza come sale assistant.

Ciao a tutti…

Ho esitato a lungo sul fatto di pubblicare o meno questo post… Perché in realtà non potrei rivelarvi granché di quello che sta dietro il Mondo Kiko Cosmetics, posso dirvi solo quello che è di dominio pubblico, aggiungendo qualche mia piccola opinione personale su una realtà che ho avuto modo di conoscere per circa quattro mesi e che mi ha permesso di farmi un’idea più dettagliata di cosa significa lavorare in questo mondo così complesso che si chiama cosmesi.

Allora partiamo innanzi tutto da quello che non posso dirvi così potrete farvi un’idea fin da subito su cosa vi aspetta all’interno del post e se deciderete che non ci sono abbastanza informazioni per i vostri gusti potrete decidere di continuare a leggerlo o meno. Dunque: non posso parlarvi del mio tipo di contratto, non posso dirvi quanto guadagnavo mensilmente, non posso dirvi nulla sui dati e sugli incassi del negozio, non posso mostrarvi foto dell’interno del negozio e non posso darvi informazioni sui prodotti in uscita, a quali collezioni si sono ispirati ecc ecc. Fin qui mi sembra tutto ragionevole.

Ora proseguiamo il post con quello che invece posso dirvi.

Se siete ragazze in cerca di lavoro sappiate che per essere candidate ideali come addette alle vendite Kiko solitamente la preferenza è per ragazze di bella presenza che amano il mondo del make up al di sotto dei 30 anni e se posso darvi un consiglio non presentate nemmeno il curriculum nel mese di agosto, è un mese in cui si lavora davvero pochissimo perché la maggior parte delle persone sono chiaramente in vacanza su qualche spiaggetta tropicale (beati loro), soprattutto se il Retail è situato in centro città.

Se avete la fortuna di portare un curriculum direttamente in negozio e vi offrono di fare subito un colloquio con la store manager (cosa che è successa a me), mostratevi per quello che siete e attenetevi a descrivere il vostro curriculum con serenità e scioltezza, insomma siate voi stesse (è un consiglio spassionato). Quando poi, se siete state voi le prescelte, vi chiameranno per lavorare in negozio sappiate che a seconda del periodo dipende l’affluenza di clienti. Se vi assumono sotto Natale aspettatevi il disastro, ci sono persone dappertutto anche se siete in 15 in negozio a livello di addette alle vendite, ci sarà sempre (SEMPRE) qualcuno che riuscirà a farvela sotto il naso e a rubarvi qualcosa. Ovviamente credo capiti in tutti i negozi ma non è questo il vero problema, il mondo del make up è molto molto complesso e anche quando si crede di saperne abbastanza c’è sempre qualcos’altro da imparare: le tecniche e gli strumenti si evolvono e quello che richiedono le clienti è sempre diverso.

In questo caso devo dire che Kiko si dimostra abbastanza preparata, sono previste dall’azienda infatti, diversi tipi di Academy che offre l’azienda stessa. Infatti ogni tanto in negozio arriva il cosiddetto Trainer, una figura make up artist professionista addestrata a conoscere ogni singolo ingrediente di ogni singolo prodotto presente all’interno della gamma Kiko (e vi assicuro che sono una quantità inesauribile tra collezioni in edizione limitata e permanente). Questa persona, dicevo, aiuta le addette alle vendite ad imparare nuove tecniche di applicazione e ad aggiornarle sull’utilizzo più corretto di tutti i prodotti nuovi arrivati in negozio con i nuovi lanci.

Forse non tutti sanno che Kiko offre un servizio di applicazione make up per le clienti che richiedono un appuntamento in negozio. Ecco chi trucca queste clienti ha prima effettuato una sorta di esame che viene predisposto dall’azienda assieme alla o al Trainer assegnato a quel Retail e altre figure aziendali atte a questo e ad altri compiti. Quindi dall’azienda viene richiesto anche un certo livello di competenza e una predisposizione a questo mondo che naturalmente è quasi essenziale.

Sarebbe come lavorare in una libreria e non aver mai aperto un classico in vita… Non avrebbe alcun senso.

In generale, questo tipo di lavoro richiede pazienza (una camionata di pazienza), predisposizione al contatto con il pubblico (tanta anche questa), la prontezza nella risoluzione di qualsiasi tipo di problema, perché la clientela è davvero molto molto variegata e le problematiche possono davvero spaziare. Dalla signora di una certa età che non si è trovata affatto bene con lo smalto e lo vuole cambiare anche se lo ha aperto e utilizzato (perché la politica dell’azienda è di effettuare il reso in ogni caso e ci tengono moltissimo alla soddisfazione del cliente), alla ragazzina che dice di aver comprato una matita senza custodia e senza temperino all’interno e vorrebbe il packaging completo.

Inutile dirvi che in un negozio non è solo importante la vendita ma anche l’aspetto del negozio stesso che deve essere sempre tenuto in condizioni il più possibile impeccabili quindi pulito, ordinato, con tester qualitativamente funzionanti e soddisfacenti e soprattutto il più possibile rimpiazzato. Ovverosia che negli espositori a parete non devono esserci posti vuoti dove normalmente si trova un prodotto. quindi tenete presente anche che la gestione di un negozio come sale assistant (detto così fa più figo della parola commessa!) è impegnativa.

Detto questo il mondo Kiko può davvero dare delle belle soddisfazioni e per chi ce la mette davvero tutta può essere un trampolino di lancio non male (vedi MrDanielMakeup ora su YouTube e Art Director di una sua personale linea di make up).

Se leggete questo post e volete lasciare un commento sarò più che felice di rispondervi!

Grazie ciaoooo! 🙂

biologico., compere, creme, delidea, haul, http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, provenzali

Huge Haul: KIKO, Provenzali & more.

Buongiorno a tutti, dati i miei recenti acquisti pazzi ho deciso di raggrupparli tutti in una unica Haul e mostrarveli. Dato che molto di quello che vi mostrerò era già stato acquistato da me in precedenza, posso già darvi delle opinioni su quasi tutti i prodotti che ho acquistato.

Cominciamo subito con un po’ di foto.

questi sono alcuni prodotti dei Provenzali della nuova linea biologica alla rosa mosqueta. Sono tutti formulati benissimo e soprattutto sono tutti composti da ingredienti provenienti da agricolture biologiche. In questa foto vedete il tonico, il latte detergente, il contorno occhi e la crema viso formulata per pelli normali/miste . Il latte detergente ed il contorno occhi li ho acquistati per mia mamma quindi in tutta sincerità non posso dirvi come sono mentre la crema viso è davvero molto valida e in più ha un ottimo profumo, si assorbe bene e non lascia scia bianca, l’unica appunto che devo farle è che purtroppo portandola con me in aereo, adesso è molto più liquida e l’olio contenuto al suo interno tende a separarsi dal resto della formula, cosa che comunque non credo affatto abbia alterato le caratteristiche della crema. 
Il tonico invece è davvero rinfrescante e quando lo uso subito prima della crema devo dire che ne favorisce l’assorbimento sulla pelle. In estate preferisco mettere il tonico in frigo se ne ho la possibilità, in modo tale da favorirne l’azione astringente e rinfrescante, un vero toccasana per la pelle del viso. 
Inoltre, dato che questo tonico non contiene alcool al suo interno, è possibile usarlo anche nella zona del contorno occhi, ovviamente fate delle piccole prove se avete gli occhi molto sensibili. /Trovate tutti prodotti della linea cliccando qui). 
Passiamo ai prodotti Delidea, questi prodotti non sono in molti a conoscerli, non ne sento parlare molto nè sui blog nè sui social network in generale. A me piacciono molto e mi trovo davvero benissimo. Questa volta ho acquistato un olio elasticizzante (prezzo € 9,90) al dattero e Argan del deserto che ho portato con me in vacanza. sa un buonissimo profumo delicato e non lascia la pelle untuosa, se massaggiato su pelle umida si assorbe ancora più in fretta. Poi una crema anticellulite (prezzo circa 13 €) al Pepe rosa e Lime che è appena uscita a quanto pare perché quando sono andata da Tigotà me la segnalavano come novità della linea, anche questa ha un buon profumo e sa di menta, è rinfrescante sulle gambe e ha molti estratti che sono funzionali per il drenaggio dei liquidi in eccesso. In abbinamento alla crema si vendeva anche un gommage (che però io ho preferito non prendere) da massaggiare prima dell’applicazione della crema per stimolare il rinnovo cellulare. 
( I prodotti Delidea li trovate cliccando qui).
La crema fa un po’ di scia bianca ma secondo me questa cosa è stata studiata apposta per costringerci a massaggiare perché, per diminuire gli inestetismi della cellulite la cosa più importante è effettuare un buon massaggio di almeno 5/10 minuti per gamba, partendo dalla caviglia con movimenti circolari dal basso verso l’alto.
Inutile dire che una crema da sola non fa miracoli, anche se l’avete pagata 200 euro. Bisogna fare un po’ di esercizi fisici almeno per 20 minuti al giorno e non saltarne neanche uno anche se doveste avere solo 10 minuti. Lavorando in sinergia con prodotti cosmetici e alimentazione/esercizio fisico, il corpo prima o poi risponde in maniera sempre positiva.  
Si… Di nuovo KIKO… Non so proprio resistere, quando vedo nuovi prodotti voglio prenderli e basta. Questi sono i nuovi smalti Power Pro, sono il numero 10 Rosso Ibisco e il numero 38 Blu Ottanio. Finora ho provato solo il numero 10 e devo dire che è molto bello ed è uno dei colori che è andato per la maggiore in negozio dato che sparisce continuamente, il 38 lo devo ancora provare ma se la durata è uguale a quella del 10 posso ritenermi molto soddisfatta. Il prezzo è di €4,90 per ogni smalto e se ne prendete 3 il quarto è in omaggio. cliccando qui troverete tutte le referenze colore. 
Le performance rispetto agli smalti da 1,90 € sono decisamente migliori, l’asciugatura è molto rapida, l’applicatore leggermente più largo permette una stesura uniforme e la durata è davvero molto buona, su di me durano all’incirca 10 giorni anche senza base
In più ho preso una matita nera perché la mia era finita, anche queste hanno una nuova formula molto più cremosa e scrivente, sono sfumabili che è un piacere e resistono all’acqua una volta che si fissano. Le referenze colore sono 16 e io ho appunto la numero 16 (nero… ma va? :)). 
Il rossetto infine lo avevo preso per mia mamma, è il numero 920 della linea smart lipstick… non mi piace particolarmente quella linea ma la mamma voleva quello quindi, l’abbiamo accontentata. 🙂
Bene ragazze/i questo è tutto anche per oggi spero di esservi stata d’aiuto per qualche acquisto sfizioso.
Ciaooooo! 🙂
canon., http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, kikocosmetics, mascara, me, model, naked, perversion, urban decay

Naked on the run make up look

Finalmente ho deciso di fare un altro tutorial solo che stavolta la modella sono io! 🙂
Finally I decided to do another tutorial, but this time the model it’s me! 🙂
Per questo look ho utilizzato l’ultima palette in edizione limitata delle Naked: La Naked On The Run.
For this look I used the last Limited Edition Palette from the Naked series by Urban Decay: the Naked On The Run.

 

Nella piega dell’occhio come tonalità di transizione ho usato in realtà un ombretto della Kiko l’infinity 210 che ho poi sfumato anche insieme a Fix di UD. Per intensificare l’angolo esterno dell’occhio ho preso Dare con un pennellino più piccolo e denso sempre a punta tonda e poi ho di nuovo sfumato un po’ di Fix per uniformare il tutto. Ho preso poi con la punta del mio dito un po’ di Resist in modo tale che fosse più intenso applicandolo su tutta la palpebra mobile andando anche un po’ nella piega. Ho ripreso infine il 210 della Kiko per evitare stacchi di colore. Sempre con le dita ho prelevato Dive e l’ho messo solo al centro della palpebra per dare più intensità e definizione.
To begin I used a Kiko eyeshadow in the crease of my eye (kiko infinity n. 210), I also took a little bit of Fix from the UD palette and I mixed it with the kiko eyeshadow.
To intensify the outer V of my eye I grabbed Dare and with a smaller and denser brush I applied it in a “V shape motion” on the outer edge of my eye.
I then took a good amount of Resist to make sure it was as intense as possible and I applied it on my entire lid area, then just because I didn’t want any harsh lines, I took again a little bit of kiko 210 and I diffused this color across the crease again. To conclude my look I grabbed a little bit of Dive on my fingertip and I placed it just on the center of my lid to give to my look more dimension and luminosity.

 

Nella rima interna dell’occhio ho messo una matita verde petrolio della Wjcon la numero 04 emerald green. come mascara invece ho usato il Perversion contenuto nella Palette. Come eyeliner ho usato un eyeliner di Deborah, il 24h waterproof.
In the water line I used a Wjcon eye pencil in numer 04 emerald green. For my mascara I used the one the came with the palette, the UD Perversion. For my eyeliner I used a liquid liner from an Italian brand called Debora: the 24h waterproof eyeliner.
Spero vi sia piaciuto questo mini “tutorial”! A presto 🙂
I hope you enjoy this mini tutorial! xo xo 🙂
collistar, diego dalla palma, essence., etereo, guerlain, http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, kiko, primavera 2015, tendenze, trasparenze

Pelle di porcellana, unghie anni ’70 e colori pastello!

A quanto pare la primavera tarda un pochino ad arrivare (almeno qui in Italia) ma nelle case cosmetiche di tutto il mondo e soprattutto in passerella, è arrivata da un bel po’.

Oggi voglio presentarvi un po’ le tendenze per questa primavera e anticiparvi qualcosa anche su quelle che potrebbero essere quelle dell’estate e cercherò di offrirvi una visione d’insieme sui brand che hanno sempre dettato i dogmi di stagione in stagione (Chanel, Guerlain, Dior, Clarins, YSL,Clinique solo per citarne alcune) e quelle che invece hanno fatto loro seguito presentando più o meno le stesse nuance ma con un’attenzione in più alle tasche di chi vuole comunque seguire le vibrazioni della moda ma non ha un budget illimitato (Kiko, Essence, Pupa, Collistar, Catrice, Max Factor)

In generale quest’anno ( faccio riferimento soprattutto ad un articolo uscito su Vogue di questo mese di Susanna Macchia), le linee guida sembrano essere incarnato di porcellana, smalti dai colori accesi e laccati stile anni ’70, labbra dai colori floreali sia mat sia estremamente lucide, l’importante è che siano ben idratate e infine sulle palpebre colori pastello che conferiscono un aspetto di giocosa innocenza infantile ma che allo stesso tempo sembrano quasi diventare protagonisti indiscreti di un giardino etereo.

Ecco come Chanel e Guerlain abbiano voluto dare un’immagine di donna sensuale mantenendo uno sfondo giocoso ed infantile con illuminanti mosaico e cofanetti angelici con perle di luce.

Se le maison francesi celebrano la donna nella sua innocenza e sensualità, quest’anno il marchio nostrano Diego Dalla Palma, propone una collezione dai toni chiaramente molto più decisi ispirandosi a Frida Kahlo, la pittrice messicana che tanto piace a Madonna e a cui pare si ispiri anche lei. Ciglia folte, cipiglio deciso ma con un tocco di spiccata femminilità con fiori tra i capelli e una risoluta preferenza per il rosa in tutte le sue declinazioni. 

Ed ora “troviamo le differenze” e passiamo all’analisi di un altro brand italiano. Chiaramente Kiko quest’anno ha fatto un mix riunendo molte delle novità che sono arrivate finalmente anche in Italia, già viste e riviste, amate e odiate, in molti altri Paesi del globo. Blush e illuminante viso a mosaico come per Guerlain, siero all’acido ialuronico, e CC Cream ispirata al famosissimo Miracle Cuscion Lancome. Labbra dal finish opaco/satinato come per Chanel… che dire? L’unione fa la forza!

Veniamo poi ad analizzare un marchio ancora più low cost stavolta tedesco. In questo caso occhi e unghie dai colori pastello e labbra opache dai colori nude i primi senza troppe perlescenze e le seconde laccate effetto gel senza rinunciare ad eyeliner nero ma di facile utilizzo con la punta a pennarello.
Si chiama Trasparenze la nuova collezione in edizione limitata Collistar in collaborazione con un’altra azienda italiana: la Kartell. Qui si punta soprattutto al design e all’innovazione dei materiali con un riconoscimento particolare al Bel Paese. La collezione è infatti frutto di un progetto che si chiama “Ti amo Italia”. Bello no?

Bene gente è tutto, spero di avervi dato spunti e di avervi almeno un pochino ispirato per questa primavera 2015, a breve vi aggiornerò sulle tendenze per l’estate!

Cosmetics, http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, liberty six, Nabla, ombretti, online, ordine, palette, primo, refill, siliconi

Ordine Nabla Cosmetics

Ciao a tutti!!!

Consegne importati arrivate dal Corriere Espresso giusto un paio d’ore fa di cui vi devo assolutamente parlare! 🙂 🙂

Per chi ancora non la conoscesse Nabla Cosmetics è un brand nato di recente (credo che abbia compiuto da poco il suo secondo compleanno anche se non ne sono certa), il cui Art Director è Daniele Lorusso noto a tutte su You Tube come MrDanielMakeup (trovate la sua biografia qui), è un MUA professionista che dapprima ha lavorato alla Kiko e poi è approdato su YT con i suoi primi video. Personalmente lo stimo molto come professionista senza contare la sua giovane età e la sua voglia di fare. (Nabla Cosmetics)

Ora venendo al mio ordine vi spiego un po’ come funziona il sito che in realtà ha una grafica molto chiara e semplice. I prodotti sono tutti elencati nella sezione Makeup e una volta effettuato l’accesso al vostro account personale sul sito potrete mettere nel carrello in alto a destra, tutti i prodotti che desiderate ordinare: nel mio caso una palette Liberty da 6 ombretti e 6 ombretti Refill.

Se l’ordine che vi accingete a fare viene effettuato entro le ore 16:00 di un qualsiasi giorno feriale tranne il venerdì (in tal caso l’ordine sarà evaso il lunedì successivo), il pacco vi viene spedito a casa entro 24h con Corriere Espresso GLS, vi viene spedita una mail dell’avvenuta partenza della merce e anche quando il pacco arriva alla sede GLS più vicina a casa vostra, insomma tutto molto sicuro e pratico. Le spedizioni sono gratuite se si superano i 49 € di ordine totale.

Io ho effettuato l’ordine martedì 3 marzo cioè ieri e il pacco è arrivato oggi mercoledì 4 marzo alle 10:45 circa. Sull’etichetta oltre al vostro nome, cognome e indirizzo è riportata anche un’ eventuale nota al corriere che potrete inserire direttamente dal sito di Nabla al momento della registrazione del vostro account (ad esempio sul mio c’era scritto che non mi trovavo a casa dopo le 16:00). Conveniente no?

E ora un paio di foto sulle delizie che ho ordinato. 🙂 🙂

Eccolo qui il mio ordine, il pacco pesava mezzo chilo anche se a me sembrava decisamente più leggero, da fuori è un semplice pacco di cartone con il nome Nabla.

Ed ecco invece come si presenta all’interno.

In questo caso la prima cosa che ho trovato è stata una cartolina informativa sull’ultima arrivata della famiglia Nabla ossia la Magic Pencil, ne spiega i vari utilizzi.

Per il resto il contenuto del pacco era avvolto in tre strati complessivi di velina fucsia ( che carina!) e imballati nella carta di protezione c’erano i mie ombretti Refill e la Palette Magnetica Liberty six.

I colori che ho ordinato sono a partire dalla prima fila in alto a sinistra:
Caramel: completamente opaco color terra di siena.
Petra: opaco anche questo tendente molto di più al rossiccio.
Camelot: l’ultimo opaco, è un marrone scuro intenso non troppo caldo e non troppo freddo.

In basso a Sinistra troviamo:
Sandy: che mi ricorda molto il YDK della Naked 2 ma questo è molto più omogeneo e con meno glitterini che svolazzano in giro.
Dafne n°2: bellissimo magenta metallizzato molto scrivente.
Interference: stupendo. davvero stupendo e peccato che nelle foto non si veda come avrei voluto.

Gli ombretti mi sembrano molto morbidi, scriventi e super pigmentati, non li ho ancora testati sulla palpebra ovviamente ma vi farò sapere. Per gli swatches lascio giudicare voi dalle foto. 😉

foto senza flash e primer:

foto con flash e primer:

Ah mi stavo dimenticando di dirvi che la formulazione dei prodotti Nabla è senza siliconi, petrolati, peg, ftalati, parabeni, olii minerali e EDTA. Sono inoltre Cruelty Free e Vegani. Bello no?

Bene ragazzi io come sempre spero di esservi stata utile!

Al prossimo post! Ciaoooo

edizione limitata., eyeshadow, http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, lipgloss, maschere viso, Sephora, tonalità

Kiko & Sephora Haul

Sì! Ci sono ricascata! Dato che lavoro in un Centro Commerciale è davvero molto facile cedere alle tentazioni che si celano ad ogni angolo, nel mio ci sono Sephora e Kiko e sì, ho acquistato da entrambe. Colpevole, non ho scuse ma non ho saputo resistere. 🙂
Cominciamo subito.

Ho preso due cosine di due edizioni limitate: un illuminante della collezione Queen of the Light nella tonalità 01 Royal Gold è un bellissimo illuminante con riflessi dorati, mentre l’altro della collezione ha riflessi rosa e per la mia carnagione trovo più adatti quelli dorati. Il secondo prodotto di un’edizione limitata è un pennello che era uscito con la collezione Life in Rio che se non sbaglio a prezzo pieno costava sui 15 euro e io l’ho pagato 10 (era l’ultimo). Pennello doppio da un’estremità ha una parte più definita che serve a tracciare il contouring con precisione dall’altra ha un largo pennello con le setole piatte per stendere i prodotti liquidi. 

Veniamo poi alle collezioni permanenti. Mi serviva un Brush Cleanser che non è altro che una soluzione spray per pulire i pennelli per non lavarli continuamente perché i pennelli con setole naturali tendono a rovinarsi molto più facilmente di quelli a setole sintetiche. 
Poi ho preso un Long Lasting Stick eyeshadow nella tonalità 19 che è un bel grigio antracite molto scuro. L’ho preso grigio e non nero perché mi sembra che il nero a volte sia un po’ troppo intenso soprattutto su di me, molto spesso ne sfumo pochissimo all’angolo esterno dell’occhio con un marrone caldo e opaco per non farlo risultare troppo intenso. Ho già altri due colori di questi ombretti e mi piacciono molto. Bisogna sfumarli un po’ in fretta sull’occhio però perché una volta che si fissano non si muovono più! Potete fare un trucco veloce anche solo usandone due di quelli anche perché sono usciti alcuni colori opachi se non sbaglio che quindi sarebbero perfetti da sfumare nella piega dell’occhio. 🙂
Lo sapevi? Kiko è un Brand italiano fondato dal Gruppo Percassi nel 1997 che  si è diffuso velocemente in quasi tutta Europa. I suoi prodotti sono apprezzati da tantissime ragazze e make up artist anche fuori continente. 
Ultimo ma non per ordine di importanza, ho preso un Lipgloss della linea Super Gloss nella tonalità 105. Non ho molti lucidalabbra, anzi ho molti più rossetti a dire la verità. questo è un bel colore pesca marroncino con tanti glitterini sempre color pesca e poi i prodotti labbra Kiko hanno tutti un profumo vanigliato buonissimo che mi fa impazzire. 
Tappa successiva sono stata da Sephora e siccome il 19 Ottobre era l’ultimo giorno per approfittare dell’offerta che c’era sulle maschere viso in tessuto, io non me lo sono fatta ripetere. Sono andata in negozio e ne ho presa una al Tè Verde purificante, una alla Rosa illuminante e l’altra Anti-Aging che probabilmente darò a mia mamma. Il costo delle maschere era di € 3,90 l’una e se ne prendevi due, la terza era in omaggio. Ero troppo curiosa di provarle  perché non ne ho mai usate in tessuto, solo in crema. Vi farò sapere come sono. 
Bene anche per oggi è tutto, spero di esservi stata utile per qualche acquisto futuro e di avervi tenuto compagnia. Ciao Buona serata. 🙂