acne, acquisti, biologico., brufoli, certificazioni, cosmetici naturali, Cosmetics, facial, Gel, haul, health, idratare, imperfezioni., impressioni, impurità., INCI, ingredienti, ingredienti chimici, lavoro, luglio, passione, pelle, pelle mista., pori, prodotti, prodotti ecologici, Senza categoria

Omorovicza Balancing Mosturizer – Review

Buongiorno tutti,

con la recensione di oggi voglio parlarvi di una crema che mi sta piacendo tantissimo. Dal titolo avrete sicuramente già visto di cosa si tratta.

Il brand in questione è Omorovicza e la sua particolarità è quella di inserire in tutti i suoi prodotti la preziosissima acqua termale Ungherese che a dire del brand e dell’antico impero ottomano aveva (o meglio ha) elevate proprietà curative per la pelle. Il concept devo dire la verità somiglia molto a quello che persegue anche Avené ma ad un price point completamente differente.

Infatti se non mi fossi trovata il formato da 30 ml all’interno della Beauty Box Lookfantastic di Marzo in occasione della festa della donna, non penso che in vita mia avrei mai speso 110 euro per provarla (per il formato da 50 ml). Sì, avete letto bene! Sono 110 euro per una crema da 50 ml, in proporzione il formato da 30 ml viene 66 euro ma veniamo alla presentazione della stessa.

omorovicza

La consistenza, devo ammetterlo, è davvero ben fatta! Leggera, effetto gel, si assorbe in fretta ed è proprio perfetta per chi ha la pelle mista/grassa o grassa.

La descrizione sul sito inglese dice in poche parole che è particolarmente adatta per ridurre le imperfezioni, lisciare rughettine e segni di espressione e per la diminuzione della produzione di sebo nell’arco della giornata che è quello stupido grassetto della pelle che a fine giornata ci fa sembrare una palla da discoteca oleosa (se avete la pelle mista/grassa, se avete la pelle secca questo post non fa per voi!) e che puntualmente si cerca di assorbire con blotting papers (cartine assorbi sebo) e una profusione di cipria come se piovesse!

La profumazione di questa crema è forse la caratteristica che io adoro maggiormente di questo prodotto. Un leggero sentore di lavanda, ben distinguibile ma non troppo persistente/invadente a meno che la lavanda vi faccia schifo… lì è un altro discorso! Io personalmente stravedo per la lavanda sia come profumo sia come proprietà della stessa. Applicare questa crema la sera per me è una goduria proprio perché sento questo profumo di lavanda piacevolissimo che io amo e che concilia anche il sonno.

Ultimo ma non ultimo il packaging è davvero carino, in vetro con tappo dosatore e tappino protettore in plastica trasparente. Il vetro è opaco satinato, molto liscio al tatto ed è abbastanza trasparente da consentire di vedere il quantitativo di prodotto all’interno della confezione ma non così trasparente da risultare “banale”.

Ma quindi vale la pena o no? vi starete chiedendo voi… la risposta è che secondo me a quel prezzo non ne vale la pena anche se riconosco che sia un prodotto ben fatto, probabilmente avrei speso volentieri 30 massimo 40 euro, massimo massimo 50, non di più! Sono convinta che un buon packaging, una buona ricerca nella formulazione e nel reperimento degli ingredienti, non faccia schizzare il prezzo a livelli così elevati anche se mettono l’acqua termale del lago incantato della foresta misteriosa nel bosco proibito nel regno di Molto Lontano!

Quindi se vi comprate due creme all’anno e vorreste mettervi via i soldi solo per provarla, ok è una scelta che spetta solo a voi, io personalmente sono certa che una volta finita non la ricomprerò mai più nonostante la mia recensione sul prodotto sia essenzialmente molto positiva.

Voi cosa ne pensate delle creme/prodotti per la cura del corpo di fascia alta? Siete certe che per gli ingredienti di pregio utilizzati, sia legittimo alzare il prezzo finale così tanto?

Debora

base viso, best, break out, brufoli, contorno occhi, cosmetici naturali, crema, crema viso, creme, delicati., detergente, esfoliante, esfoliazione, età, facial, fai da te, idratare, impacco, imperfezioni., impurità., INCI, made in italy, Maschera, maschere in tessuto, maschere viso, morbidezza, nutrimento, olii, olio, online, pelle, pelle mista., pigmentazione, pori, prodotti, prodotti ecologici, prodotto low cost., recensione, rimedio, rossori., rughe

Pelle secca e spenta dopo le feste? No problem: lo skin regiment in 5 step per una pelle sana e luminosa!

Buongiorno a tutti e buon 2018,

spero che abbiate passato delle buone feste fino ad ora e che abbiate potuto spenderle con le persone care, vi auguro innanzitutto uno splendido 2018, spero possa portarvi salute, serenità e gioia!

Vabeh, oltre alla gioia delle feste lo sappiamo poi come vanno a finire queste cose no? Già è inverno e fa freddo, c’è più smog, ci sono i caloriferi e non ci si espone al sole (quindi poca vitamina D) magari facciamo anche una vita più sedentaria ( perché mammachefreddochefafuorivogliorestaresuldivanoaguardareRapunzelconlacioccolatacalda) e poi dolci e pranzoni e cenoni con pandori a non finire e un po’ di alcol in più, insomma il nostro corpo e di conseguenza la nostra pelle ci chiedono entrambi pietà!

La pelle dopo tutta la pappardella di cui sopra appare di conseguenza ingrigita secca e spenta… cosa fare (a parte liminare la cioccolata calda e la Sacher della suocera?) ma ci sono qui io che vi spiego come fare e vi consiglio alcuni prodotti che mi stanno piacendo molto e che continuo a ricomprare!

  1. DETERGERE ADEGUATAMENTE: la pelle va detersa regolarmente mattina e sera anche se quel giorno non vi siete truccate con un prodotto delicato (meglio un detergente viso che non sia troppo schiumoso o anche a base oleosa) io ad esempio per struccarmi uso l’olio di cocco vergine estratto a freddo che compro al supermercato e poi rimuovo il grosso con una salvietta struccante, passo un dischetto di cotone con acqua micellare Garnier (quella classica con il tappo rosa) solo sugli occhi e poi lavo il viso con il Clarisonic (lo trovi qui) e un detergente sempre della Garnier (lo trovi qui)
  2. ESFOLIARE LA PELLE: se come me usate il Clarisonic ogni sera (o una qualsiasi spazzolina elettrica per la pulizia del viso), allora potrebbe andare bene anche solo quella però tenete conto che in alcuni punti del viso comunque si possono formare delle pellicine dovute a residui di brufoletti o imperfezioni quindi io uso una polverina di Sephora tanto carina che mischio semplicemente con un po’ d’acqua e forma una sorta di pastina esfoliante non troppo abrasiva con cui mi trovo molto bene se volete per un effetto più delicato potete anche mischiarla con un olietto vegetale che avete in casa io comunque sconsiglio olio di oliva e olio di mandorle dolci perché per me sono un po’ troppo pesanti. ((polverina esfoliante Sephora)
  3. MASCHERE VISO: le maschere viso in inverno servono molto di più rispetto all’estate che ve lo dico a fare, io una volta a settimana ne preparo una detossinante ma idratante con l’argilla verde che potete comprare a pochi euro nei supermercati bio oppure in erboristeria (ce l’ho da un paio d’anni e non sono arrivata nemmeno a metà confezione) io la preparo così:1 cucchiaio raso di argilla, 1 cucchiaino di olio di oliva, un cucchiaino di miele, un cucchiaino di acqua e un cucchiaino di succo di limone poi in ultimo due gocce di olio essenziale di lavanda e due gocce di olio essenziale di tea tree ( se non li avete fate pure senza) potete aggiustare i quantitativi man mano che la preparate, deve avere una consistenza liscia e cremosa, non troppo liquida in modo tale che non coli, lasciate in posa per circa 10 minuti e poi sciacquate con una spugnetta e acqua tiepida. Dopo la maschera all’argilla solitamente passo il tonico e applico un’altra maschera stavolta super idratante in tessuto della Garnier (io mi trovo molto bene con questa azzurra)
  4. CREME VISO: dall’inverno all’estate potrebbe occorrervi una crema diversa. Per le pelli miste/grasse in estate potreste uscire anche solo con una crema solare leggera non comedogenica invece anche in inverno è sempre necessario non uscire mai di casa senza magari utilizzandone una più ricca a seconda del vostro tipo di pelle. In generale una volta applicata la crema viso dovreste sentire una sensazione di comfort sulla pelle quindi niente pizzicori oppure sentire tirare ma nemmeno che sia troppo unta
  5. ALIMENTAZIONE: si lo so sono tediosa però è davvero importante reintegrare i liquidi persi perché tra prosecco, vino, moscato, vin santo e ammazzacaffè (tutte bevande che comunque sono molto zuccherate) rischiate la disidratazione quindi via libera a acqua in abbondanza e se siete freddolose o semplicemente vi piacciono gli infusi potete optare per le tisane che contengono finocchio che fanno bene al fegato e sgonfiano (naturalmente meglio se non zuccherate con niente neanche miele, stevia, fruttosio, glucosio, dietor ecc ecc ecc, NIENTE!). Non guasta anche frutta e verdura che contenga molta acqua, meglio la verdura cotta se avete problemi di intestino irritabile.

Un bacione a tutte e di nuovo un felice e sereno 2018 🙂

Per le eterne indecise sul proprio tipo di pelle vi lascio il link alla pagina dell’Estetista Cinica che vi spiega in base al vostro tipo di pelle qual è la beauty Routine più adatta a voi! clicca qui per la beauty routine cinica

break out, brufoli, casalinga, facial, home, http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, impurità., Maschera, olio, rimedio, scrub, vapore

At home facial: pulizia del viso fatta in casa

A volte lo stress, l’inquinamento, i cambiamenti ormonali e il makeup possono provocare accumuli di impurità sul nostro viso che possono facilmente tramutarsi in imperfezioni difficili da eliminare.
La pulizia del viso una volta al mese dall’estetista è una buona soluzione perché pulisce in profondità e alcune estetiche usano addirittura il Clarisonic per una pulizia del viso più completa ed efficace (se non sapete cos’è il Clarisonic basta che clicchiate sul link, lo potete trovare da Sephora in Italia è arrivato circa un annetto fa e ci sono numerose recensioni su tutto il web ma anche su YouTube).
Purtroppo però quello dall’estetista è un appuntamento parecchio costoso. 
Lo sapevate? Uno dei trattamenti più costosi al mondo è alla modica cifra di circa 55 mila dollari e consiste in una crema al veleno d’api ma solo per l’1% per essere sicuri che non sia doloroso, miele Manuka (una varietà che è particolarmente utile per contrastare gli inestetismi cutanei causati dall’acne) e burro di Karitè. Si dice che Kate Middleton lo usi con regolarità per mantenere la pelle radiosa e giovane!

Ecco quindi la mia versione fatta in casa della pulizia del viso che faccio una volta ogni due settimane. Costo: forse due euro.

Il primo passaggio che faccio è mettere un pentolino d’acqua sul fornello e lo porterò ad ebollizione, vi servirà dopo lo scrub.

Passo a detergere il viso accuratamente con il detergente che sto usando in questo momento abbinato alla spugnetta scrub in silicone di Sephora che vi ho mostrato in un altro dei miei post, è della Garnier ed è uno struccante viso e occhi che contiene anche un pochino di acido salicilico per prevenire e curare i brufoli. È un passaggio fondamentale per togliere eventuali residui di trucco e impurità dal viso.

Fatto ciò passo allo scrub, sto usando la polverina di Sephora da unire all’acqua con cui mi sto trovando molto bene perché è finissima e non mi causa irritazioni di alcun tipo. Lo scrub serve ad eliminare lo strato di pelle in superficie per far meglio penetrare tutti i prodotti che userò in seguito.

Subito dopo lo scrub sulla pelle ancora bagnata, applico il mio olio di rosa mosqueta, se non ce l’avete va bene anche un qualsiasi altro olio vegetale (germe di grano, jojoba, argan, cocco ecc).
A questo punto con l’olio ancora sul viso, torno in cucina dove nel frattempo la mia acqua ha cominciato a bollire, la metto su un sotto pentola e aggiungo subito un cucchiaio di bicarbonato oppure potete mettere anche un paio di bustine di thé verde, va benissimo per le pelli grasse e impure. A questo punto, proprio come se steste per fare dei suffimigi, posizionatevi con il viso sopra la pentola e mettevi un asciugamano sopra la testa per concentrare il vapore solo sul viso e per evitare che si disperda. Il vapore allargherà i pori della pelle e farà assorbire al meglio l’olio che avete messo sul viso. Restate così per non più di 5 minuti altrimenti la pelle si sensibilizza troppo.

Dopo questo passaggio torno in bagno e tampono via l’eccesso di olio con un asciugamano e applico una maschera per il viso all’argilla che lascio agire per cinque minuti dopodichè la tampono con una spugna bagnata per rimuoverla e sciacquo con acqua tiepida.

Prendo il mio tonico lo passo su tutto il viso e sul collo con un dischetto di cotone e effettuo un bel massaggio su viso e collo con la mia crema idratante all’olio di argan. 

E il gioco è fatto. È una procedura che richiede un po’ di tempo e pazienza me ne rendo conto ma vi assicuro che perdereste più tempo a prenotare un trattamento dall’estetista, recarvi dalla stessa, fare il trattamento e tornare a casa con il portafoglio più magro! 
Bene spero di esservi stata utile con questo post.
A presto 🙂
http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, imperfezioni., impurità., ingredienti chimici, orrore, pelle, pori, siliconi

SILICONI… CHE SCHIFEZZA!

Buongiorno a tutti,

come promesso ecco qui il post sugli odiatissimi SILICONI!
Innanzitutto partiamo col capire cosa sono i siliconi e come agiscono.
I siliconi sono ingredienti di origine chimica, poco costosi (e oltretutto scadenti), che vengono impiegati dalle aziende cosmetiche per evitare costi troppo elevati che di solito risulterebbero ad esempio comprando olii vegetali (pregiati o meno pregiati).
I SILICONI possono trovarsi DAPPERTUTTO: dagli shampoo e balsami, alle creme (viso e corpo), dagli olii per il corpo (che di solito sono a base di paraffina liquida, vedere post precedente), alla cera depilatoria… e soprattutto nel fondotinta! Ma come agiscono? Molto semplicemente a dirla tutta! I siliconi creano una specie di pellicola sulla nostra pelle, una sorta di barriera, se vogliamo, che impedisce alla pelle di “respirare” ostruendo i pori, favorendo l’insorgenza di impurità. Sì, perché se sulla pelle c’è questa fatidica pellicola, le impurità che normalmente durante il giorno vengono fuori (ad esempio  il sebo) rimangono sotto la coltre di fondotinta, o cipria o crema per il viso e a fine giornata, per quanto meticolosamente possiamo struccarci prima di andare a dormire (passaggio fondamentale anche se si utilizzano abitualmente cosmetici eco-biologici), i siliconi sono “duri a morire” ovvero, una volta che sono stati spalmati sulla pelle, si insediano nei pori e lì rimangono anche se usiamo uno struccante super potente (che magari è anche quello a base di siliconi…Alè!!).
Diffidate da chi vi fa credere che i siliconi sono ingredienti di origine naturale, non è assolutamente vero e gira voce che vengano messe nei prodotti cosmetici per spingerci a comprare sempre più fondotinta per coprire i brufoli che vengono fuori proprio dall’utilizzo del fondotinta stesso, come se non bastasse, questi odiosi ingredienti, causano la dilatazione dei pori della pelle, che diventano sempre più visibili e difficili da far restringere!
Diffidate anche da chi vi fa credere che più una crema è costosa, più è sana! Non c’è nulla di più falso! Anche i prodotti di Chanel, YvesSaintLaurent, Lancome, Givency e chi più ne ha più ne metta sono zeppi di siliconi: una vera e propria truffa considerando il fatto che, come sopracitato, i siliconi hanno un costo veramente irrisorio per le aziende cosmetiche… facendo un rapido calcolo lascio a voi la deduzione del loro guadagno con la sola vendita di un vasetto di crema (FOLLE!). Dulcis in fundo, perché non ci bastava tutta questa schifezza, i silicono INQUINANO DA MORIRE! Dunque se a casa avete dei prodotti con all’interno i siliconi, non buttateli nel tubo di scarico del lavandino perché inquinano e poi è peccato buttare così un prodotto per cui avete speso dei bei soldini.
Ora veniamo finalmente ai nomi più comuni con cui possiamo riconoscere questi malefici nell’INCI:
  • CYCLOPENTASILOXANE
  • DIMETHICONE
  • AMODIMETHICONE
  • TRIMETHICONE
  • TRYSILOXANE
quindi in generale, tutti quegli ingredienti che finiscono in -ONE sono siliconi, anche se c’è un’altra parola in mezzo, prima o dopo, non significa che siano meno dannosi, restano sempre dei siliconi! Ingredienti scadenti, poco costosi e dannosi (come del resto lo è la paraffina che spesso si trova in un’accoppiata vincente con i suoi amichetti malefici).
Bene!
Con questo credo di aver detto tutto su questi dannosissimi ingredienti! 
Come sempre spero che questo post vi sia stato utile!
Ciaoooooo! 🙂