edizione limitata., kiko, kikocosmetics, matite labbra, ombretti, recensione, review, Senza categoria, swatches

Kiko Limited edition Fall 2.0 collection: vale la pena?

Avendo lavorato per un periodo da Kiko come assistente alle vendite e, prima ancora, da cliente, ho sempre apprezzato le collezioni in edizione limitata (che finora sono state davvero tantissime) con cui esce periodicamente questo brand italiano.

Quando lavoravo in negozio ovviamente avevo l’occasione di vederle in anteprima con una sorta di newsletter interna ai retail che annunciava il nome della collezione, descriveva i singoli prodotti uno per uno, con un occhio di riguardo anche alle collezioni e/o sfilate a cui si ispira la limited edition. Per me era un sogno!

Nei negozi Kiko di recente è uscita la nuova Fall 2.0:

schermata per blog
credits to http://www.beautydea.it

Eccola qui in tutto il suo splendore blu ispirato alla città di Venezia e da Veneta doc non potrei esserne più contenta! Ancora una volta il packaging è stato creato con la collaborazione del designer Ross Lovegrove e il suo tocco inconfondibile si vede tutto.

La collezione questa volta è davvero vasta come potete vedere dall’immagine.

Io ho acquistato tre ombretti, un illuminante, il fondotinta, un eyeliner e una matita labbra… per ora! Per ora perchè gli ombretti sono talmente belli e particolari che non penso riuscirò a farmi sfuggire gli altri colori!

I prodotti sono talmente tanti che nella foto di cui sopra non ci stanno nemmeno tutte le tonalità!

Ma veniamo a noi:

Questo è il fondotinta!

La quantità di prodotto è di 25 ml, per farvi capire un fondotinta standard normalmente ne ha sempre 30 quindi un po’ meno di un fondo “normale”.

Il prezzo è di 19,95 euro quindi forse è un pochino alto per essere un fondotinta della Kiko ma dobbiamo tenere presente che è un’edizione limitata e che al suo interno ha anche un pennellino per l’applicazione.

Ha un PAO di 12 mesi di durata dall’apertura. Sono disponibili 8 referenze colore che vi consiglio di verificare in negozio se potete.

Quello che mi ha attirato di più di questo prodotto (oltre al packaging che secondo me è innegabilmente bello con il vetro satinato e il tappo blu) è stata la texture, sul sito la descrivono un po’ come una mousse cremosa e sono d’accordo, sembra quasi che sia stato montato.

La prima volta che l’ho provato non mi ha fatto impazzire ma le condizioni della mia pelle non erano delle migliori, sto notando che ultimamente ho quasi sempre la necessità di applicare un primer prima del fondotinta (io uso quello della Catrice anti lucidità), una volta applicato il primer e fatto vari trattamenti per rendere più liscia la pelle del viso mi sta piacendo tantissimo. Io però lo applico con la spungnetta di Morphe perchè ho provato con il pennello ma da subito non mi è piaciuto, non so se dipende dal fatto che quel fondotinta non è adatto da applicare con il pennello oppure perché è il pennello che proprio non va bene, sta di fatto che mi è sembrato molto disomogeneo la prima volta tant’è che lo stavo per abbandonare senza seconde chance ma mi hanno convinto a riprovarlo e ora mi piace davvero un sacco, sulla pelle infatti crea un effetto impeccabile, opaco ma che non tira assolutamente la pelle e non va nemmeno nelle pieghette, su di me non si lucida ma io ultimamente ho la tendenza ad avere la pelle leggermente secca non so come si potrebbe comportare su una pelle mista e/o grassa.

Non ha un profumo fastidioso per quanto mi riguarda, non è appiccicoso sulla pelle però vi consiglio di applicarlo dopo aver aspettato almeno 20 minuti da quando avete applicato la crema.

IMG_5225
Questo è il Warm Beige 30

Passiamo agli ombretti un altro prodotto che adoro:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questi sono il numero 01 Over The Taupe, lo 04 Purple Mind e lo 05 Blue Memory, come vedete dalle foto hanno tutti una texture particolarissima sembrano quasi di velluto un po’ scopiazzati da degli ombretti mac che erano usciti un po’ di tempo fa con una collezione che non sono proprio sicura sia stata un’edizione limitata perché sul loro sito li ho trovati ancora ( li trovi qui ). Però devo dire che sono proprio stranissimi è bellissimi. Stranissimi perché con le dita se li swatchate non sono per niente belli, non rilasciano pigmento e sono quasi polverosi… ma con un pennello a lingua di gatto sono super pigmentati e rilasciano un colore quasi metallizzato! Io per applicarli uso il pennello cream shader della Zoeva e hanno zero fall out. Zero.

Ogni confezione contiene 0,7 grammi di prodotto quindi meno di un grammo.

Il prezzo è di 12,95 euro e hanno un PAO di 36 mesi dall’apertura quindi durano parecchio. Li adoro e spero che Kiko consideri di introdurli nella collezione permanente, attualmente sono disponibili 6 colori.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altro prodotto che mi sta piacendo molto è l’illuminante, sono usciti con due colori, uno più dorato e uno rosa/dorato che forse è un po’ più bello di quello che ho preso.

Il packaging anche qui Royal Blue, stupendo e molto chic, è anche bellissimo da portare nella borsetta!

Questo è un illuminante cotto nel senso che il prodotto viene letteralmente cotto all’interno di forni per ottenere una texture vellutata e setosa. Effettivamente è molto bello ma forse leggermente polveroso. Non è un illuminante super intenso ma è sicuramente modulabile, a seconda dell’effetto che volete lo potete tranquillamente stratificare e può diventare davvero intenso!

Il prezzo è di 13,95 euro e al suo interno ci sono 3,5 grammi di prodotto con un PAO che dura 18 mesi dall’apertura. Disponibile in due colori quello che vedete in foto è lo 01 Gold in Progress e l’altro è lo 02 Steps to Modern.

Ci tenevo a fare una precisazione: l’illuminante Gold in Progress assomiglia molto all’ombretto Kiko della linea Water Eyeshadow nel numero 208:

IMG_5247

anche se come texture per il viso preferisco l’illuminante sono obiettivamente molto simili, quindi se volete acquistare l’illuminante magari guardate prima tra i vostri ombretti kiko e potreste trovare il 208!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altri due prodotti mi piacciono molto ma che non ho ancora avuto modo di testare per bene sono la matita labbra col grigio/prugna e l’eyeliner color grigio metallizzato, entrambi scriventi e pigmentati.

La matita labbra fa parte di una serie di 6 tonalità abbinate alle 6 corrispondenti tonalità dei rossetti. Se ci fosse stato il corrispondente colore del rossetto l’avrei preso sicuramente perché un colore molto particolare che non si trova ancora così facilmente in Italia e che ho la sensazione che questo autunno/inverno sarà particolarmente apprezzato.

Il prezzo della matita labbra è di 5,95 euro e io ho il colore 05 Iris in my Mind.

Contiene 1 grammo di prodotto circa e ha un PAO di di 36 mesi.

Quello che vedete sotto la matita labbra invece è uno dei loro eyeliner, sempre usciti con la collezione in questione, è il numero 04 Steel Core il cui prezzo è di 8,95 euro.

Il quantitativo di prodotto è di 3 grammi con un PAO di 6 mesi.

Spero come sempre che le mie considerazioni sulla collezione vi siano state utili per un prossimo acquisto.

E voi? Avete già provato qualcosa della collezione? Pensate che valga la pena acquistare qualche prodottino? Fatemelo sapere nei commenti qui sotto! Li leggo sempre molto volentieri!

Grazie

Al prossimo post! 🙂

 

acquisti, agosto, kiko, kikocosmetics, Limited edition., review, Rossetti, Senza categoria, trucchi

 10 Rossetti preferiti per il periodo estivo

Sono una di quelle ragazze che prima di uscire di casa sceglie con cura il rossetto da mettere ma che vuole anche qualcosa di comodo da indossare per tutti i giorni e poi puntualmente lo lancia nella borsa (che se siete come me c’è dentro la vostra casa e potreste andare solo con quella in Africa a fare un safari per trenta giorni senza battere ciglio!) per poi, una volta svanito il rossetto durante la serata/giornata non ha voglia di mettersi a rovistare per cercarlo e finisce per mettere quello del giorno prima, anche lui sciagurato lanciato senza troppe cerimonie nella borsa/valigia!

In tutto questo c’è di buono che nella mia borsa nel giro di 10 giorni si sono accumulati… 10 rossetti e mi sono accorta ripescandoli che sono quelli che per l’estate adoro di più, quindi… ne ho fatto un post! (ma va? sennò non eravamo qui a parlarne! :P)

Partiamo subito allora:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo è stato il mio primo rossetto Mac si chiama Creme Cup (e anche l’unico che ho a dire la verità) lo adoro letteralmente, è un cream sheen, non è proprio super omogeneo nella stesura quindi lo stendo e poi lo picchietto delicatamente con le dita!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo invece molto più economico è un rossettino della Kiko della linea Smart Fusion Lipstick è il 304 a € 3,95 l’uno, questo a differenza del precedente della Mac è super idratante e un po’ meno coprente, lo uso spesso al lavoro quando la mattina sono di fretta e non ho avuto tempo di mettermi il rossetto e quindi rovisto nella borsa per pescare il primo che capita!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altro rossettino Kiko sempre della stessa linea del precedente è il numero 343 questo decisamente più scuro come potete vedere applicato sulle labbra (tenete conto che le mie labbra di partenza sono molto chiare) anche questo super confortevole e come tutti i rossetti kiko hanno un profumo vanigliato molto buono! (anche questo lo uso per il lavoro per lo stesso motivo di cui sopra 😛 )

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo è uno dei miei rossetti preferiti in ASSOLUTO non solo per il periodo estivo! Ha una formula e una scrivenza pazzesche è Bye Bye Birdie di Nabla nel suo packaging natalizio che se non erro sul sito nabla è esaurito ma lo trovate nella confezione normale tranquille! È un colore in assoluto da provare e che consiglio a tutte. La formula è super confortevole sulle labbra e dura tantissimo come se fosse un rossetto liquido, tra l’altro è quasi no-transfer e non capisco come abbiano fatto a produrre una formulazione del genere!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Marca americana che però adesso si trova facilmente anche in Italia, infatti è da poco approdata da Sephora: HudaBeauty. Huda Kattan è una popolarissima makeup artist americana che ha intrapreso la strada imprenditoriale non molti anni fa raggiungendo successi strepitosi. Adoro i suoi rossetti liquidi opachi e questo si chiama Venus, uno dei miei colori preferiti neanche a dirlo mi piacciono i nudes ma non lo avevate capito vero? (ha anche una linea metallizzata), durano tantissimo sulle mie labbra, sono abbastanza confortevoli, non sbavano e sanno un buonissimo profumo, in questa foto non lo vedete in tutto il loro splendore perchè le mie labbra stavano già cominciando un po’ a seccarsi dopo un po’ di swatches.  Questo è la versione mini (sono in totale 4 kit da 4 rossetti liquidi ciascuno comprati su CultBeauty quando ancora non erano disponibili in Italia) che trovo comodissimo da mettere in borsa… strano! 😀

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ok… lo ammetto…. è moooolto simile al precedente dalle foto, in realtà è totalmente diverso, giuro! Questo è un altro rossettino HudaBeauty (sul sito di Sephora li trovi qui e non sono proprio economici lo ammetto!) si chiama Trendsetter ed è leggermente più marroncino di Venus. Basta! Non ho nient’altro da dire, bellissimo!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altro preferito per tutte le stagioni e ammetto che la formula e la stesura mi piacciono leggermente di più rispetto a quelli di Huda Beauty è Lolita di Kat Von D, quanto amo questo rossetto!!! Si asciuga in fretta si stende fantasticamente e dura tantissimo!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un altro rossettino di Nabla ma stavolta parliamo della linea Dreamy Matte Liquid Lipstick, quindi un rossetto liquido. Apprezzo la formula e la stesura ma devo dire che preferisco in linea di massima Huda Beauty e Kat Von D, perché questo rossetto se non avete le labbra belle idratate e “polpose” tende a segnare le pieghette un pochettino, quello che mi fa impazzire è il colore!!!! Fantastico, il nome è proprio azzeccatissimo!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo è un altro rossetto strepitoso è uno dei rossetti liquidi della marca Sephora il numero 03 che sono stati recentemente riformulati e sono disponibili ben 44 referenze colore, c’è davvero l’imbarazzo della scelta e sono tutti bellissimi, online sul loro Sito Ufficiale trovate anche colori in esclusiva web, ad esempio un bellissimo azzurro Tiffany il numero 31 Siren Song. Vi lascio anche il link ad un video di YouTube dove vi fanno vedere gli Swatches qui

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ultimo ma di certo non in ordine di importanza. Questo è Heartbreaker di Huda Beauty!!! Forse il mio rossetto liquido rosso preferito (ne avrei anche uno di Wycon che è uscito credo ormai l’estate scorsa con un edizione limitata che era sensazionale ma purtroppo era appunto L.E. e quindi ho preferito non mostrarlo!).

Vi inserisco anche una foto dove lo vedete meglio sulle mie labbra:


 Come al solito ragazze spero di esservi stata utile e al prossimo post! 

😘😘

collezioni., commessa, http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, kikocosmetics, lavoro, orari, retail, sale assistant

Kiko Cosmetics Milano: la mia esperienza come sale assistant.

Ciao a tutti…

Ho esitato a lungo sul fatto di pubblicare o meno questo post… Perché in realtà non potrei rivelarvi granché di quello che sta dietro il Mondo Kiko Cosmetics, posso dirvi solo quello che è di dominio pubblico, aggiungendo qualche mia piccola opinione personale su una realtà che ho avuto modo di conoscere per circa quattro mesi e che mi ha permesso di farmi un’idea più dettagliata di cosa significa lavorare in questo mondo così complesso che si chiama cosmesi.

Allora partiamo innanzi tutto da quello che non posso dirvi così potrete farvi un’idea fin da subito su cosa vi aspetta all’interno del post e se deciderete che non ci sono abbastanza informazioni per i vostri gusti potrete decidere di continuare a leggerlo o meno. Dunque: non posso parlarvi del mio tipo di contratto, non posso dirvi quanto guadagnavo mensilmente, non posso dirvi nulla sui dati e sugli incassi del negozio, non posso mostrarvi foto dell’interno del negozio e non posso darvi informazioni sui prodotti in uscita, a quali collezioni si sono ispirati ecc ecc. Fin qui mi sembra tutto ragionevole.

Ora proseguiamo il post con quello che invece posso dirvi.

Se siete ragazze in cerca di lavoro sappiate che per essere candidate ideali come addette alle vendite Kiko solitamente la preferenza è per ragazze di bella presenza che amano il mondo del make up al di sotto dei 30 anni e se posso darvi un consiglio non presentate nemmeno il curriculum nel mese di agosto, è un mese in cui si lavora davvero pochissimo perché la maggior parte delle persone sono chiaramente in vacanza su qualche spiaggetta tropicale (beati loro), soprattutto se il Retail è situato in centro città.

Se avete la fortuna di portare un curriculum direttamente in negozio e vi offrono di fare subito un colloquio con la store manager (cosa che è successa a me), mostratevi per quello che siete e attenetevi a descrivere il vostro curriculum con serenità e scioltezza, insomma siate voi stesse (è un consiglio spassionato). Quando poi, se siete state voi le prescelte, vi chiameranno per lavorare in negozio sappiate che a seconda del periodo dipende l’affluenza di clienti. Se vi assumono sotto Natale aspettatevi il disastro, ci sono persone dappertutto anche se siete in 15 in negozio a livello di addette alle vendite, ci sarà sempre (SEMPRE) qualcuno che riuscirà a farvela sotto il naso e a rubarvi qualcosa. Ovviamente credo capiti in tutti i negozi ma non è questo il vero problema, il mondo del make up è molto molto complesso e anche quando si crede di saperne abbastanza c’è sempre qualcos’altro da imparare: le tecniche e gli strumenti si evolvono e quello che richiedono le clienti è sempre diverso.

In questo caso devo dire che Kiko si dimostra abbastanza preparata, sono previste dall’azienda infatti, diversi tipi di Academy che offre l’azienda stessa. Infatti ogni tanto in negozio arriva il cosiddetto Trainer, una figura make up artist professionista addestrata a conoscere ogni singolo ingrediente di ogni singolo prodotto presente all’interno della gamma Kiko (e vi assicuro che sono una quantità inesauribile tra collezioni in edizione limitata e permanente). Questa persona, dicevo, aiuta le addette alle vendite ad imparare nuove tecniche di applicazione e ad aggiornarle sull’utilizzo più corretto di tutti i prodotti nuovi arrivati in negozio con i nuovi lanci.

Forse non tutti sanno che Kiko offre un servizio di applicazione make up per le clienti che richiedono un appuntamento in negozio. Ecco chi trucca queste clienti ha prima effettuato una sorta di esame che viene predisposto dall’azienda assieme alla o al Trainer assegnato a quel Retail e altre figure aziendali atte a questo e ad altri compiti. Quindi dall’azienda viene richiesto anche un certo livello di competenza e una predisposizione a questo mondo che naturalmente è quasi essenziale.

Sarebbe come lavorare in una libreria e non aver mai aperto un classico in vita… Non avrebbe alcun senso.

In generale, questo tipo di lavoro richiede pazienza (una camionata di pazienza), predisposizione al contatto con il pubblico (tanta anche questa), la prontezza nella risoluzione di qualsiasi tipo di problema, perché la clientela è davvero molto molto variegata e le problematiche possono davvero spaziare. Dalla signora di una certa età che non si è trovata affatto bene con lo smalto e lo vuole cambiare anche se lo ha aperto e utilizzato (perché la politica dell’azienda è di effettuare il reso in ogni caso e ci tengono moltissimo alla soddisfazione del cliente), alla ragazzina che dice di aver comprato una matita senza custodia e senza temperino all’interno e vorrebbe il packaging completo.

Inutile dirvi che in un negozio non è solo importante la vendita ma anche l’aspetto del negozio stesso che deve essere sempre tenuto in condizioni il più possibile impeccabili quindi pulito, ordinato, con tester qualitativamente funzionanti e soddisfacenti e soprattutto il più possibile rimpiazzato. Ovverosia che negli espositori a parete non devono esserci posti vuoti dove normalmente si trova un prodotto. quindi tenete presente anche che la gestione di un negozio come sale assistant (detto così fa più figo della parola commessa!) è impegnativa.

Detto questo il mondo Kiko può davvero dare delle belle soddisfazioni e per chi ce la mette davvero tutta può essere un trampolino di lancio non male (vedi MrDanielMakeup ora su YouTube e Art Director di una sua personale linea di make up).

Se leggete questo post e volete lasciare un commento sarò più che felice di rispondervi!

Grazie ciaoooo! 🙂

canon., http://schemas.google.com/blogger/2008/kind#post, kikocosmetics, mascara, me, model, naked, perversion, urban decay

Naked on the run make up look

Finalmente ho deciso di fare un altro tutorial solo che stavolta la modella sono io! 🙂
Finally I decided to do another tutorial, but this time the model it’s me! 🙂
Per questo look ho utilizzato l’ultima palette in edizione limitata delle Naked: La Naked On The Run.
For this look I used the last Limited Edition Palette from the Naked series by Urban Decay: the Naked On The Run.

 

Nella piega dell’occhio come tonalità di transizione ho usato in realtà un ombretto della Kiko l’infinity 210 che ho poi sfumato anche insieme a Fix di UD. Per intensificare l’angolo esterno dell’occhio ho preso Dare con un pennellino più piccolo e denso sempre a punta tonda e poi ho di nuovo sfumato un po’ di Fix per uniformare il tutto. Ho preso poi con la punta del mio dito un po’ di Resist in modo tale che fosse più intenso applicandolo su tutta la palpebra mobile andando anche un po’ nella piega. Ho ripreso infine il 210 della Kiko per evitare stacchi di colore. Sempre con le dita ho prelevato Dive e l’ho messo solo al centro della palpebra per dare più intensità e definizione.
To begin I used a Kiko eyeshadow in the crease of my eye (kiko infinity n. 210), I also took a little bit of Fix from the UD palette and I mixed it with the kiko eyeshadow.
To intensify the outer V of my eye I grabbed Dare and with a smaller and denser brush I applied it in a “V shape motion” on the outer edge of my eye.
I then took a good amount of Resist to make sure it was as intense as possible and I applied it on my entire lid area, then just because I didn’t want any harsh lines, I took again a little bit of kiko 210 and I diffused this color across the crease again. To conclude my look I grabbed a little bit of Dive on my fingertip and I placed it just on the center of my lid to give to my look more dimension and luminosity.

 

Nella rima interna dell’occhio ho messo una matita verde petrolio della Wjcon la numero 04 emerald green. come mascara invece ho usato il Perversion contenuto nella Palette. Come eyeliner ho usato un eyeliner di Deborah, il 24h waterproof.
In the water line I used a Wjcon eye pencil in numer 04 emerald green. For my mascara I used the one the came with the palette, the UD Perversion. For my eyeliner I used a liquid liner from an Italian brand called Debora: the 24h waterproof eyeliner.
Spero vi sia piaciuto questo mini “tutorial”! A presto 🙂
I hope you enjoy this mini tutorial! xo xo 🙂