Recensione Desert Dusk palette di HudaBeauty

Ciao a tutti! 🙂 come promesso ecco gli swatches nel dettaglio della Desert Dusk di Huda Beauty.

Come anticipavo nel video i colori sono tutti molto intensi compresi opachi, metallici e glitter pressati.

Desert-Dusk_palette

Questi sono tutti i colori opachi presenti nella palette:

Dal polso verso il gomito ci sono: Desert Sand, Musk, Eden,Amber, Oud, Amethyst, Saffron e Blazing.

Desert Sand lo uso sempre per fissare il primer sulla palpebra, ha una texture molto sottile e permette di fissare il primer senza rendere l’applicazione dei successivi ombretti “scivolosa” e polverosa.

Musk è l’unico colore opaco della palette dal sottotono freddo, forse avrei preferito che fosse un po’ più marroncino e non così grigio in modo tale da uniformarsi meglio con tutto il resto dei colori nella palette.

Eden è un altro dei miei opachi preferiti, lo uso praticamente sempre subito sopra la piega dell’occhio come colore di transizione per sfumare meglio tutti quelli che applico dopo, davvero carino perché anche questo si sfuma molto bene senza macchie di colore.

Amber colore marrone caldo quasi terra di siena bruciata, perfetto per intensificare Eden nella piega.

Oud penso che sia il colore più scuro nella palette, un marrone molto intenso e davvero bello. Nonostante l’intensità è molto facile da sfumare (ma lo sono tutti gli ombretti)

Amethist è l’unico colore che non è molto pigmentato e un po’ “granuloso” quasi, ho dovuto fare tre passate per farlo vedere bene, il vantaggio è che quando lo applicate sulla palpebra non è polveroso e quindi non cade sulla guancia e si sfuma molto bene.

Saffron anche questo stupendo, è la descrizione perfetta per questo colore zafferano super intenso.

Blazing a volte lo uso direttamente nella piega dell’occhio in maniera molto molto leggera e poi applico Angelic su tutta la palpebra per un look super naturale.

IMG_2724

Tutti i colori opachi di questa palette sono molto modulabili, più applicazioni eseguite più sono intensi, meno ne fate più l’effetto sarà naturale.

Passiamo ai colori metallici/satinati, scrivo così perché non so bene come definirli, sono una via di mezzo.

Il primo a partire dal polso verso il basso è:

Turkish Delight sono stupitissima dall’intensità di questo colore super metallizzato e pieno alla prima passata, perfetto se volete uno smokie carico.

Royal, se c’è un colore che devo scegliere in questa palette che forse mi piace leggermente meno degli altri è questo, non perché sia brutto ma perché mi aspettavo un sottotono più caldo e non così freddo, per il resto è comunque bellissimo.

Blood Moon: anche questo è un colore che uso molto spesso applicato su tutta la palpebra.

Cashmere, un color tortora chiaro metallizzato con riflessi dorati.

Angelic, colore delicato ma pieno alla prima passata perfetto se volete un look minimal con poco sforzo.

IMG_2723

Se volete come dicevo nel video potete utilizzare una colla per glitter per tutti gli ombretti che volete rendere ancora più intensi con zero fall out, anche se per questi non è obbligatorio secondo me.

Questi ultimi li ho swatchati tutti con una colla per glitter invece perché ritengo che per questi sia necessario. Sono più che altro ombretti top coat se li volete usare senza colla.

(sempre dal polso verso il basso)

Nefertiti, questo è molto glitteroso se usato senza colla ma sempre molto bello.

Twilight questo è in assoluto il colore della palette che preferisco, fa un effetto stupendo sull’occhio e ultimamente sono abbastanza fissata con gli ombretti duochrome dai sottotoni viola perlati.

Celestial che è molto simile a Nefertiti ma più pieno e intenso.

Angelic (lo swatchato due volte per farvi vedere la differenza tra base per glitter e primer normale).

Cosmic, questo non l’ho ancora usato sulla palpebra ma penso sia un bellissimo glitter pressato (perché non è un ombretto c’è proprio scritto sulla confezione).

IMG_2729

In generale adoro questa palette, penso sia stata un ottimo acquisto che rifarei perché adoro i colori caldi per tutte le stagioni e in generale penso che stiano bene un po’ a tutti.

Per chi non lo avesse visto lascio il link al mio primo video su YouTube dove vi mostro la palette: https://www.youtube.com/watch?v=CUcP0loLWmU

E voi? La comprereste? Ci state pensando?

Spero che le mie impressioni sulla palette e le descrizioni e swatches dei colori vi possano essere d’aiuto per un eventuale futuro acquisto se ci state pensando (o anche se non ci state ancora pensando!) 🙂

Un bacio e al prossimo post!

Debora

 

Kiko Limited edition Fall 2.0 collection: vale la pena?

Avendo lavorato per un periodo da Kiko come assistente alle vendite e, prima ancora, da cliente, ho sempre apprezzato le collezioni in edizione limitata (che finora sono state davvero tantissime) con cui esce periodicamente questo brand italiano.

Quando lavoravo in negozio ovviamente avevo l’occasione di vederle in anteprima con una sorta di newsletter interna ai retail che annunciava il nome della collezione, descriveva i singoli prodotti uno per uno, con un occhio di riguardo anche alle collezioni e/o sfilate a cui si ispira la limited edition. Per me era un sogno!

Nei negozi Kiko di recente è uscita la nuova Fall 2.0:

schermata per blog
credits to http://www.beautydea.it

Eccola qui in tutto il suo splendore blu ispirato alla città di Venezia e da Veneta doc non potrei esserne più contenta! Ancora una volta il packaging è stato creato con la collaborazione del designer Ross Lovegrove e il suo tocco inconfondibile si vede tutto.

La collezione questa volta è davvero vasta come potete vedere dall’immagine.

Io ho acquistato tre ombretti, un illuminante, il fondotinta, un eyeliner e una matita labbra… per ora! Per ora perchè gli ombretti sono talmente belli e particolari che non penso riuscirò a farmi sfuggire gli altri colori!

I prodotti sono talmente tanti che nella foto di cui sopra non ci stanno nemmeno tutte le tonalità!

Ma veniamo a noi:

Questo è il fondotinta!

La quantità di prodotto è di 25 ml, per farvi capire un fondotinta standard normalmente ne ha sempre 30 quindi un po’ meno di un fondo “normale”.

Il prezzo è di 19,95 euro quindi forse è un pochino alto per essere un fondotinta della Kiko ma dobbiamo tenere presente che è un’edizione limitata e che al suo interno ha anche un pennellino per l’applicazione.

Ha un PAO di 12 mesi di durata dall’apertura. Sono disponibili 8 referenze colore che vi consiglio di verificare in negozio se potete.

Quello che mi ha attirato di più di questo prodotto (oltre al packaging che secondo me è innegabilmente bello con il vetro satinato e il tappo blu) è stata la texture, sul sito la descrivono un po’ come una mousse cremosa e sono d’accordo, sembra quasi che sia stato montato.

La prima volta che l’ho provato non mi ha fatto impazzire ma le condizioni della mia pelle non erano delle migliori, sto notando che ultimamente ho quasi sempre la necessità di applicare un primer prima del fondotinta (io uso quello della Catrice anti lucidità), una volta applicato il primer e fatto vari trattamenti per rendere più liscia la pelle del viso mi sta piacendo tantissimo. Io però lo applico con la spungnetta di Morphe perchè ho provato con il pennello ma da subito non mi è piaciuto, non so se dipende dal fatto che quel fondotinta non è adatto da applicare con il pennello oppure perché è il pennello che proprio non va bene, sta di fatto che mi è sembrato molto disomogeneo la prima volta tant’è che lo stavo per abbandonare senza seconde chance ma mi hanno convinto a riprovarlo e ora mi piace davvero un sacco, sulla pelle infatti crea un effetto impeccabile, opaco ma che non tira assolutamente la pelle e non va nemmeno nelle pieghette, su di me non si lucida ma io ultimamente ho la tendenza ad avere la pelle leggermente secca non so come si potrebbe comportare su una pelle mista e/o grassa.

Non ha un profumo fastidioso per quanto mi riguarda, non è appiccicoso sulla pelle però vi consiglio di applicarlo dopo aver aspettato almeno 20 minuti da quando avete applicato la crema.

IMG_5225
Questo è il Warm Beige 30

Passiamo agli ombretti un altro prodotto che adoro:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questi sono il numero 01 Over The Taupe, lo 04 Purple Mind e lo 05 Blue Memory, come vedete dalle foto hanno tutti una texture particolarissima sembrano quasi di velluto un po’ scopiazzati da degli ombretti mac che erano usciti un po’ di tempo fa con una collezione che non sono proprio sicura sia stata un’edizione limitata perché sul loro sito li ho trovati ancora ( li trovi qui ). Però devo dire che sono proprio stranissimi è bellissimi. Stranissimi perché con le dita se li swatchate non sono per niente belli, non rilasciano pigmento e sono quasi polverosi… ma con un pennello a lingua di gatto sono super pigmentati e rilasciano un colore quasi metallizzato! Io per applicarli uso il pennello cream shader della Zoeva e hanno zero fall out. Zero.

Ogni confezione contiene 0,7 grammi di prodotto quindi meno di un grammo.

Il prezzo è di 12,95 euro e hanno un PAO di 36 mesi dall’apertura quindi durano parecchio. Li adoro e spero che Kiko consideri di introdurli nella collezione permanente, attualmente sono disponibili 6 colori.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altro prodotto che mi sta piacendo molto è l’illuminante, sono usciti con due colori, uno più dorato e uno rosa/dorato che forse è un po’ più bello di quello che ho preso.

Il packaging anche qui Royal Blue, stupendo e molto chic, è anche bellissimo da portare nella borsetta!

Questo è un illuminante cotto nel senso che il prodotto viene letteralmente cotto all’interno di forni per ottenere una texture vellutata e setosa. Effettivamente è molto bello ma forse leggermente polveroso. Non è un illuminante super intenso ma è sicuramente modulabile, a seconda dell’effetto che volete lo potete tranquillamente stratificare e può diventare davvero intenso!

Il prezzo è di 13,95 euro e al suo interno ci sono 3,5 grammi di prodotto con un PAO che dura 18 mesi dall’apertura. Disponibile in due colori quello che vedete in foto è lo 01 Gold in Progress e l’altro è lo 02 Steps to Modern.

Ci tenevo a fare una precisazione: l’illuminante Gold in Progress assomiglia molto all’ombretto Kiko della linea Water Eyeshadow nel numero 208:

IMG_5247

anche se come texture per il viso preferisco l’illuminante sono obiettivamente molto simili, quindi se volete acquistare l’illuminante magari guardate prima tra i vostri ombretti kiko e potreste trovare il 208!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altri due prodotti mi piacciono molto ma che non ho ancora avuto modo di testare per bene sono la matita labbra col grigio/prugna e l’eyeliner color grigio metallizzato, entrambi scriventi e pigmentati.

La matita labbra fa parte di una serie di 6 tonalità abbinate alle 6 corrispondenti tonalità dei rossetti. Se ci fosse stato il corrispondente colore del rossetto l’avrei preso sicuramente perché un colore molto particolare che non si trova ancora così facilmente in Italia e che ho la sensazione che questo autunno/inverno sarà particolarmente apprezzato.

Il prezzo della matita labbra è di 5,95 euro e io ho il colore 05 Iris in my Mind.

Contiene 1 grammo di prodotto circa e ha un PAO di di 36 mesi.

Quello che vedete sotto la matita labbra invece è uno dei loro eyeliner, sempre usciti con la collezione in questione, è il numero 04 Steel Core il cui prezzo è di 8,95 euro.

Il quantitativo di prodotto è di 3 grammi con un PAO di 6 mesi.

Spero come sempre che le mie considerazioni sulla collezione vi siano state utili per un prossimo acquisto.

E voi? Avete già provato qualcosa della collezione? Pensate che valga la pena acquistare qualche prodottino? Fatemelo sapere nei commenti qui sotto! Li leggo sempre molto volentieri!

Grazie

Al prossimo post! 🙂

 

Pelle perfetta con i prodotti Phytorelax?

Buongiorno webbosi curiosi,

oggi voglio parlarvi di due prodotti Phytorelax che ho avuto modo di testare nelle ultime settimane.

Cenni storici: ( :D)

Sul Sito Ufficiale ovviamente puoi trovare tutte le informazioni disponibili sul brand ma giusto per fare un riassunto: Phytorelax nasce a partire dalla Fondazione Harbor negli anni ’90 con un unico prodotto, un’innovativa fiala per capelli. Negli anni 2000 nasce il vero e proprio brand: esce la loro famosa linea ai Fiori di Bach creata in collaborazione con esperti di medicina convenzionale e non convenzionale e da quel momento in poi il brand è cresciuto sempre di più aumentando la scala di distribuzione.

Di recente (parlo di circa un mesetto e mezzo fa) il marchio è uscito con 4 nuovissime linee biologiche:

  • Hydro Avena
  • Sebum Aloe Vera
  • Lux Lift Argan
  • Active Age Goji

Anche se avrei comprato tutto di tutte le linee in questione perché mi incuriosiscono davvero molto mi sono limitata (per il momento) a due prodotti della linea Sebum Aloe Vera: il Gel Detergente purificante viso e la crema gel normalizzante viso.

Ora il mio tipo di pelle potrebbe essere definito da normale a misto, ultimamente però la mia pelle tende di più ad essere secca.

Vediamo nel dettaglio i prodotti:

IMG_1672

Devo dire che sul packaging si sono impegnati molto, la crema sembra abbia una confezione più da profumeria.

IMG_1673

Scheda prodotto:

Crema si presenta con una consistenza molto leggera e fluida, appunto crema gel come descritto sulla confezione.

La profumazione è molto leggera, quasi inesistente ( o almeno io la percepisco molto poco) il che non è necessariamente un difetto, anzi le pelli più sensibili molto spesso soffrono di irritazione per la presenza di una fragranza troppo aggressiva all’interno di un cosmetico.

Il prezzo di preciso purtroppo non me lo ricordo ma credo di averla pagata attorno ai 13 euro.

La quantità di prodotto direi che è ragionevole per una crema di questo tipo si parla di 50 ml di prodotto, quindi non molto ma nemmeno troppo poco rispetto al prezzo.

INCI:

Aqua/Water/Eau, Aloe barbadensis leaf juice (*), Caprylic/capric triglyceride,
Zea mays (Corn) germ oil (*), Cellulose, Cetearyl alcohol, Glyceryl stearate, Cococaprylate,
Lysolecithin, Salix alba (Willow) bark extract, Sclerotium gum, Sodium lauroyl
glutamate, Stearic acid, Silica, Melaleuca viridiflora leaf oil, Mentha arvensis (Wild mint) leaf
oil, Melaleuca alternifolia (Tea Tree) leaf oil, Pullulan, Cananga odorata flower oil, Xanthan
gum, Sodium levulinate, Potassium sorbate, Parfum [Fragrance], Sodium dehydroacetate,
Lactic acid, Tocopherol, Citric acid, Sodium phytate, Limonene, Sodium benzoate,
Helianthus annuus (Sunflower) seed oil, Citronellol, Linalool, Geraniol, Citral.
*da agricoltura biologica – organically farmed (INCI ripreso dal Sito Ufficiale).

Opinioni:

Dico subito che non penso la ricomprerò! Purtroppo non mi piace come si assorbe sulla pelle del mio viso, nonostante faccia lo scrub due volte a settimana, dopo aver applicato un siero qualsiasi (a casa ho provato con 3 sieri diversi), una volta spalmata sulla pelle, ogni volta che credo si sia assorbita noto puntualmente che si formano una serie di piccole “bricioline” di crema e più strofino e più se ne fanno ma non voglio assolutamente buttarla perciò la sto usando sul decollete e devo dire che in quella zona non mi crea problemi. Sono comunque curiosa di provare le creme viso delle altre linee (mi incuriosisce molto quella all’Argan).

IMG_1674 (1)

Scheda prodotto:

Anche il gel detergente per il viso ha una consistenza molto leggera, fina che sembra quasi acquosa.

Anche in questo caso la profumazione non è aggressiva ma delicata e molto fresca anche se leggermente più accentuata di quella della crema, io lo uso sul Clarisonic e crea una piacevolissima leggera schiuma ma non troppa quindi non è assolutamente aggressivo sulla pelle.

… Purtroppo nemmeno per questo prodotto ricordo il prezzo (sorry!) però non penso di averlo pagato più di 8 euro.

In questo caso la quantità di prodotto è di 200 ml, anche qui siamo nello standard per un detergente viso.

INCI:

Aqua/Water/Eau, Aloe barbadensis leaf juice (*),
Sodium coco-sulfate, Cocamidopropyl betaine, Glycerin, Decyl
glucoside, Polyglyceryl-3 cocoate, Polyglyceryl-4 caprate,
Polyglyceryl-6 caprylate, Polyglyceryl-6 ricinoleate, Salix alba
(Willow) bark extract, Mentha arvensis (Wild mint) leaf oil,
Melaleuca viridiflora leaf oil, Cananga odorata flower oil, Melaleuca
alternifolia (Tea Tree) leaf oil, Sodium chloride, Sodium levulinate,
Lactic acid, Potassium sorbate, Parfum [Fragrance], Sodium
phytate, Limonene, Citric acid, Sodium benzoate, Citronellol,
Linalool.
*da agricoltura biologica – organically farmed (INCI ripreso dal sito ufficiale).

Opinioni:

Di questo prodotto mi piace soprattutto la consistenza, super leggera, pulisce benissimo il viso e lascia effettivamente una sensazione di freschezza senza seccare la pelle il che è molto positivo perché solitamente i prodotti detergenti per il viso che “dichiarano” di essere sebo regolatori formulati per la pelle mista e/o tendente a diventare grassa, sono troppo a aggressivi, questo prodotto non lo è assolutamente.

Tutte le linee Phytorelax possono essere acquistate negli store OVS e in altri stores dedicati. In ogni caso sul loro sito c’è lo Store Locator

Conclusioni:

In conclusione direi che i prodotti non sono affatto male, come già detto in questo post sono sicuramente curiosa di provarne altri magari da altre linee. Il detergente lo raccomando sicuramente mentre la crema per il mio tipo di pelle probabilmente non ha funzionato correttamente ma la vedo sicuramente meglio per una pelle con tendenza a diventare grassa più in fretta della mia.

Io spero di esservi stata utile e di avervi tenuto compagnia con questo post. 🙂

Ci vediamo al prossimo! 😀

Besitos

Debora